CAF News 24

POSSIBILE FRUIRE DEL BONUS FACCIATE PER LE SPESE FINALIZZATE AL RECUPERO DELL'INVOLUCRO ESTERNO DELLA PALAZZINA, CHE RISULTA PARZIALMENTE VISIBILE DA UNA VIA PRIVATA MA "AD USO PUBBLICO".

News 24
/ Categories: News 24, Detrazioni
POSSIBILE FRUIRE DEL BONUS FACCIATE PER LE SPESE  FINALIZZATE AL RECUPERO DELL'INVOLUCRO ESTERNO DELLA PALAZZINA, CHE RISULTA PARZIALMENTE VISIBILE DA UNA VIA PRIVATA MA "AD USO PUBBLICO". 1678 0

L’AGENZIA DELLE ENTRATE CON LA RISPOSTA A INTERPELLO N. 337 DEL 12 MAGGIO 2021. CHIARISCE CHE IL BONUS FACCIATE NON SPETTA, PER GLI INTERVENTI EFFETTUATI SULLE FACCIATE INTERNE DELL'EDIFICIO, FATTE SALVE QUELLE VISIBILI DA STRADA PRIVATA PURCHE’ SIA AD USO PUBBLICO

Con la risposta a interpello n. 337 del 12 maggio 2021 l’Agenzia delle Entrate ha fornito nuove indicazioni sul bonus facciate che si ricorda essere pari al 90% delle spese sostenute per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B.

Sotto il profilo oggettivo la detrazione spetta a condizione che gli edifici oggetto degli interventi siano ubicati in zona A o B ai sensi del D.M. 2 aprile 1968, n. 1444.

La norma prevede, inoltre, che, ai fini del bonus facciate:

  • gli interventi devono essere finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna e devono essere realizzati esclusivamente sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi, dunque non su vetri o vetrate;;
  • nell'ipotesi in cui i lavori di rifacimento della facciata, ove non siano di sola pulitura o tinteggiatura esterna, riguardino interventi influenti dal punto di vista termico o interessino oltre il 10 per cento dell'intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio, gli interventi devono soddisfare i requisiti di cui al D.M. del Ministro dello Sviluppo economico 26 giugno 2015, e, con riguardo ai valori di trasmittanza termica, i requisiti di cui alla tabella 2 dell'allegato B al D.M. del Ministro dello Sviluppo economico 11 marzo 2008.

Nella circolare n. 2/E del 2020, l'Agenzia ha precisato che l'esplicito richiamo agli interventi realizzati esclusivamente sulle strutture opache della facciata, sui balconi, ornamenti e fregi, comporta che sono ammessi al bonus facciate, gli interventi sull'involucro esterno visibile dell'edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell'edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno) e, in particolare, gli interventi sugli elementi della facciata costituenti esclusivamente la "struttura opaca verticale".

Si tratta, a titolo esemplificativo, del consolidamento, del ripristino, del miglioramento e rinnovo dei predetti elementi costituenti la struttura opaca verticale della facciata stessa e della mera pulitura e tinteggiatura della superficie, del rinnovo degli elementi costitutivi dei balconi, degli ornamenti e dei fregi nonché dei lavori riconducibili al decoro urbano quali quelli riferiti alle grondaie, ai pluviali, ai parapetti, ai cornicioni e alla sistemazione di tutte le parti impiantistiche che insistono sulla parte opaca della facciata.

La detrazione non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell'edificio, fatte salve quelle visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico; quindi, sono escluse le spese sostenute per gli interventi sulle superfici confinanti con chiostrine, cavedi, cortili e spazi interni, fatte salve quelle visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico.

E’ dunque possibile fruire del bonus facciate per le spese di manutenzione straordinaria finalizzate al recupero dell'involucro esterno della palazzina in cui è inserito l’immobile, che risulta parzialmente visibile da una via privata ma "ad uso pubblico".

Al riguardo, il Ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo, con nota RU 0348403 del 9 novembre 2020, ha precisato che condivide l'interpretazione, che tiene conto anche dell'orientamento della Corte di Cassazione penale espressa con la sentenza n. 2582 del 26 gennaio 2011, secondo la quale una strada vicinale sia assimilabile ad una strada comunale, qualora ad uso pubblico, in quanto, come nel caso specifico, destinata al passaggio collettivo. Si ritiene pertanto che, nel caso in questione, costituendo l'edificio un organismo edilizio prospiciente strade destinate ad uso pubblico, i lavori finalizzati al recupero dell'involucro esterno possono essere ammessi alle agevolazioni previste dalla citata normativa ed essere ammessi al bonus facciate.

Alla luce di questo interpello saranno dunque agevolabili tutti i lavori anche su chiostre o comunque volumi interni laddove questi siano visibili anche da una strada privata, purché questa sia accessibile anche dal pubblico esterno (non dai soli proprietari dell’immobile).

Print
Rate this article:
No rating
Empty
Click + to add content