FACCIAMO IL PUNTO SUI BONUS IN SCADENZA (PARTE 3)

News 24
FACCIAMO IL PUNTO SUI BONUS IN SCADENZA (PARTE 3) 1218 0

: IN ATTESA DI PROBABILI PROROGHE OCCORRE FARE IL PUNTO SULLE AGEVOLAZIONI IN SCADENZA

Di gran carriera ci stiamo avvicinando alla fine del 2021, nell’attesa che vi sia una conferma (quasi certa) della proroga di molti dei provvedimenti ora in essere, al fine di fornire utili informazioni ai ns utenti, pubblichiamo una  scheda riassuntiva di tutti i BONUS in essere.

BONUS IN SCADENZA

  1. Bonus mobili ed elettrodomestici
  1. Bonus verde
  1. Bonus facciate
  1. Ristrutturazioni edilizie
  1. Ecobonus
  1. Sismabonus
  1. Bonus idrico
  1. Bonus con scadenza nel 2022 o fino ad esaurimento risorse

  

Vediamo nel dettaglio come funzionano ed in cosa consistono. (SEGUE)

5.ECOBONUS

In cosa consiste

detrazione dall'Irpef concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

Detrazione

Le detrazioni, da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, variano a seconda che l’intervento riguardi la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali e dell’anno in cui è stato effettuato.

Per la maggior parte degli interventi la detrazione è pari al 65%, per altri spetta nella misura del 50%.

Soggetti interessati

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.

Condominio

Regole, tempi e misure diverse sono previste, invece, per gli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio. Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, per questi interventi si possono usufruire detrazioni più elevate (del 70 o del 75%) quando si riescono a conseguire determinati indici di prestazione energetica. Esse vanno calcolate su un ammontare complessivo non superiore a 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

Pagamenti

Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale (anche “on line”), da cui risultino:

  • causale del versamento
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione

codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

Documenti da conservare

  • ricevuta del bonifico,

fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione.

6. SISMABONUS

In cosa consiste

Detrazione Irpef delle spese per interventi antisismici su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nella zona 3

Detrazione

detrazione del 50%, da calcolare su un importo complessivo di 96.000 euro per unità immobiliare per ciascun anno e fruibile in cinque rate annuali di pari importo.

La detrazione sale al 70%, se dalla realizzazione degli interventi deriva una riduzione del rischio sismico che determina il passaggio a una classe di rischio inferiore, ovvero all’80%, se si passa a due classi di rischio inferiori.

Soggetti interessati

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.

Condominio

Il beneficio fiscale è maggiore in caso di interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali:

  • 75%, se c’è passaggio a una classe di rischio inferiore
  • 85%, quando si passa a due classi di rischio inferiori.

In questo caso, la detrazione deve essere calcolata su un ammontare delle spese non superiore a 96.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio e ripartita in cinque quote annuali di pari importo.

Pagamenti

Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale (anche “on line”), da cui risultino:

  • causale del versamento
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione

codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

In cosa consiste

Detrazione Irpef delle spese per interventi antisismici su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nella zona 3

Print
Rate this article:
No rating
Empty
Click + to add content